Archivio mensile:febbraio 2016

AD UN PASSO DA UN TRAGUARDO STORICO

L’assalto al Palazzo d’inverno è un paradigma d’azione irresistibile per ogni rivendicazione giuridica e sociale lungamente compressa. In queste ore, passata la delusione, il mondo gay sta cominciando a realizzare di essere uscito da una clandestinità fatta di mere libertà “di fatto” e di essere entro in quello delle libertà giuridiche, con una piena cittadinanza nella Repubblica in quanto tale (cioè nella rilevanza della propria condizione, che è quella di un proprio e specifico orientamento sessuale), con diritti e doveri giuridicamente tutelati.
Un fascio di situazioni soggettive nient’affatto trascurabile ed anzi così rilevante da non potersi escludere a priori interventi della giurisprudenza in entrambi i sensi: ampliativo o riduttivo.
Ricordiamo le principali situazioni giuridiche ora oggetto di disciplina: il cognome del partner e la possibilità di fissare una residenza comune ed erigerla a sede della vita dell’unione, ove si possa godere – se si vuole – dei beni in comunione; diritti successori e reversibilità pel caso di morte del partner; cittadinanza al partner straniero; la possibilità di accedere ai benefici dell’edilizia pubblica; i fondamentali diritti assistenziali del caso.
Un compromesso che ha il pregio, nonostante le concessioni reciproche, di non lacerare la coesione nazionale con nuove linee di frattura.
Gioisco con loro, amiche e amici, fratelli e sorelle. Perchè tra qualche giorno non sarà solo un giorno importante per la Liberté e per la Égalité, ma soprattutto per la Fraternité.
Calici in alto. (Chi vivrà vedrà).

Annunci

MULTE DISCIPLINARI E RAPPRESENTANZA POLITICA

Da tempo denuncio che l’apparato concettuale del Movimento cinque stelle è in aperto e frontale contrasto con la teoria della democrazia rappresentativa e quindi – visto che questa teoria è stata recepita dal Costituente, trasformandola in regole giuridiche – stride con la Costituzione. L’ultima stravaganza costituzionalistica del Movimento riguarda l’ipotesi di salate multe per i parlamentari (e non solo, ma limitiamo il discorso a questi) che si distacchino dalle decisioni del partito o, perfino, che siano fuoriusciti dal partito.

Ora, la nostra Costituzione vieta il mandato imperativo. Tanto è vero che Di Maio porta l’esempio della Costituzione portoghese, e con ciò non trae le conclusioni dovute: occorrerebbe modificare (ammesso che sia possibile) la Costituzione, sul punto.

Allo stato, qualunque contratto che abbia per oggetto significativi vincoli o condizioni per l’esercizio del mandato parlamentare è privo di valore ai sensi dell’art. 67 Cost. Costituendo il caso di scuola di (tentativo di) introduzione di un mandato giuridicamente imperativo, che è costituzionalmente vietato.

La conclusione – consolidata per le cosiddette “dimissioni in bianco” – non può che valere anche per vincoli di ordine giuridico da cui discendano sacrifici di ordine economico notevoli, che si configurano di fatto come limitazioni all’esercizio del mandato, talché – nel caso – si potrebbe dissentire solo a costo di pagare pesanti multe.

Tra l’altro l’entità della multa sarebbe tale da incidere in modo molto significativo sulla indennità parlamentare che è una essenziale prerogativa del parlamentare (diversa da una retribuzione), funzionale proprio a consentire un esercizio libero della sua attività.

L’accordo associativo – il partito è un’associazione privata basata su un accordo associativo – non è in contrasto con il suddetto articolo della Costituzione (compresa la statuizione della disciplina di partito), ma lo possono essere termini specifici di questo accordo (allo stato non siamo neanche a questo, siamo all’ennesimo comunicato-diktat) se limitano la libertà dell’iscritto in quanto parlamentare.

Il gruppo parlamentare e il partito potranno invece certamente azionare il potere disciplinare espellendo il parlamentare che si sottrae alla disciplina di partito deliberata dagli organi deputati. Pertanto, e veniamo ad un altro punto, è fantasia il danno di immagine risarcibile per “mutamenti di casacca”.

Recita la seminale sent. n.14 del 1964 della Corte costituzionale:

“il divieto di mandato imperativo importa che il parlamentare è libero di votare secondo gli indirizzi del suo partito ma è anche libero di sottrarsene; nessuna norma potrebbe legittimamente disporre che derivino conseguenze a carico del parlamentare per il fatto che egli abbia votato contro le direttive del partito”.

Potremmo immaginare casi e ipotesi più liminari su cui discutere, in futuro. Per il caso del giorno, le parole della Corte si attagliano perfettamente: Nessuna norma.Conseguenze (sullo status di parlamentare). Questo il cuore dell’istituto.

Ciò vale sicuramente per i mandati parlamentari (nazionali ed europeo) ma si ritiene generalmente che siamo davanti ad un connotato indefettibile, almeno nel nostro ordinamento, di ogni forma di rappresentanza politica (e non di interessi).

Sfugge la logica di chi vuole piegare le logiche del mandato pubblicistico in quelle del mandato privatistico, se non alla luce di una ben precisa visione della democrazia che è, al fondo, negatrice di una sua condizione essenziale. Come ha affermato magistralmente Sartori “la rappresentanza politica non è quella di diritto privato, perché se lo fosse, non servirebbe, dovremmo abolirla”. E infatti. Tutto torna magnificamente. Il Movimento Cinque Stelle adotta infatti l’ottica “democratica” di Rousseau, un’ottica democratica non liberale, né rappresentativa, alla luce della quale i parlamentari non sono rappresentanti (della Nazione) ma esecutori delle volontà del popolo: meri “commissari”. Che poi nell’essere commissari non vengano istruiti da questo (inesistente, giuridicamente) “popolo” ma, come avviene immancabilmente per i sostenitori della democrazia diretta, sono in balia dei pochi che decidono per tutti –  in questo caso gli uffici comunicazione che fanno capo a Casaleggio – neanche questa è una novità, ma un modesto aggiornamento imposto dalle tecnologie. E’ perfetto giacobinismo o leninismo, ed l’esito non può che essere autocratico. Se ne accorgono oggi i parlamentari del Movimento, per una ragione di “tasca”.